Pescara, vigilantes nel cuore della movida

Un appello al buon senso, anche quello civico, e alla tolleranza: è l’invito degli esercenti del nuovo cuore notturno di Pescara, la zona attorno al mercato coperto del centro. Intanto, per garantire sicurezza, assumono dei vigilantes.

Dal canto loro, si sono autotassati per garantire maggiore vigilanza nelle ore e nei giorni più critici, come le serate del fine settimana. Coniugare le esigenze di riposo notturno dei residenti con quelle di una città dal dna estivo e che punta molto sul turismo non è per niente facile. Al di là dei rispettivi fondamentalismi, la cui cecità non è mai produttiva, c’è comunque chi si sforza di mantenere acceso il dialogo, sia con le istituzioni che con i cittadini, anche mettendoci del suo: è il caso di un gruppo di titolari di locali e ristoranti i quali hanno deciso avvalersi di vigilantes, in servizio fino alle 2.30 della notte.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Pescara, vigilantes nel cuore della movida"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*