Pescara: uccide un pensionato in bici, revocata la patente

giustizia generico

Tolta la patente a una donna di 67 anni condannata per aver investito un anno fa un pensionato in bici in Via Tirino a Pescara.

Assieme alla revoca della patente, l’automobilista ha patteggiato una pena (sospesa) di un anno e quattro mesi di reclusione. Il 30 novembre dello scorso anno la donna, alla guida di una Fiat Panda, investì il pensionato 81enne Paolo Mucci in sella alla sua bici. Dopo due mesi di ricovero all’ospedale di Atri l’uomo morì, dopo qualche segnale di apparente miglioramento.

Secondo i rilevi effettuati dai vigili urbani, l’incidente fu provocato anche dal sole che abbagliò la automobilista mentre superava un furgone accostato sul ciglio della strada. Il ciclista venne travolto in pieno e sbalzato.

Durante le indagini venne affidata anche una consulenza medica per valutare se il decesso dell’uomo fosse causa diretta dei traumi riportati nell’incidente, o se avesse avuto un ruolo anche qualche eventuale negligenza nel lungo iter delle successive cure. Ipotesi -quest’ultima- poi esclusa dalla perizia.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Pescara: uccide un pensionato in bici, revocata la patente"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*