Pescara: rapina alle poste, finti vigilantes rubano 195mila euro

A Pescara è stata messa a segno una rapina alle poste di via Verrotti (traversa di via D’Avalos) intorno alle 8 di stamani. I malviventi sono entrati nell’ufficio postale insieme ai dipendenti.

Il bottino ammonta a 195mila euro, fondi arrivati nell’ufficio per il pagamento delle pensioni.

Due uomini con addosso una divisa dell’IVRI contraffatta si sono avvicinati con un pretesto ai dipendenti che fuori dall’ufficio attendevano il vicedirettore per l’apertura. Qualcuno degli impiegati si è insospettito e a quel punto un falso vigilante ha estratto una pistola. Nel frattempo, all’arrivo del vicedirettore, l’altro malvivente è entrato con lui nell’ufficio e si è fatto consegnare il bottino. Il complice armato è rimasto fuori tenendo a bada gli impiegati. I due, italiani, probabilmente del sud, sono fuggiti a piedi dopo essersi impossessati anche dei cellulari dei dipendenti.

Sul posto sono accorsi gli uomini della squadra volante, della mobile e della scientifica della Questura di Pescara, che ha disposto anche posti di blocco nella zona.

Il servizio del Tg8

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Pescara: rapina alle poste, finti vigilantes rubano 195mila euro"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*