Pescara, marijuana nello zainetto, arrestato richiedente asilo

Pescara: marijuana nello zainetto, arrestato dalla Gdf 21enne richiedente asilo. Sequestrati due etti di droga.

Duecento grammi di marijuana nascosti in uno zainetto non sono sfuggiti al fiuto del cane Horst dell’Unità cinofila della Guardia di Finanza di Pescara (nella foto), che ha permesso di arrestare un ventunenne nigeriano, richiedente asilo politico, sorpreso nei pressi del terminal dei pullman alla stazione ferroviaria del capoluogo. Il giovane è stato condotto nella casa circondariale pescarese con l’accusa di possesso di stupefacenti ai fini di spaccio. La droga, probabilmente, era destinata alla ‘movida’. Nel periodo estivo i finanzieri hanno intensificato i controlli antidroga nelle aree affollate del capoluogo adriatico, come quella circostante la stazione ferroviaria e i parchi, anche con unità in borghese e cinofile. Sempre vicino alla stazione i finanzieri avevano già sequestrato sei grammi di marijuana a un ventiseienne, anch’egli nigeriano. Nel weekend, durante controlli nel parco pubblico adiacente il terminal bus, un’unità cinofila aveva scoperto, nascosti in una siepe, altri 30 grammi di marijuana

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Pescara, marijuana nello zainetto, arrestato richiedente asilo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*