Pescara: imprenditore evade l’Iva e riottiene i beni.

Tribunale2

Pescara: imprenditore evade l’Iva e riottiene i beni.Era creditore per 4 milioni di euro per fatture mai saldate ma vince i ricorso in Cassazione.

Pescara: imprenditore evade l’Iva e riottiene i beni vincendo il ricorso in Cassazione. Un evasore “per necessità ” poichè non avendo ricevuto i crediti di quasi  4 milioni di euro vantati nei confronti della Pubblica Amministrazione non aveva potuto pagare le tasse. La suprema Corte ha ,pertanto, annullato con rinvio, la sentenza del tribunale del Riesame di Pescara che aveva disposto il sequestro preventivo dei  beni  personali e e di somme in denaro dell’imprenditore per un valore di 170 mila euro. Ora la decisione torna al tribunale del Riesame pescarese che dovrà riformulare le motivazioni.  Casi analoghi si sono già verificati in Abruzzo. A Teramo il giudice aveva assolto un imprenditore dall’accusa di evasione fiscale perchè non aveva i soldi necessari per pagare il Fisco a causa del mancato pagamento dei crediti dovuti da parte  della Pubblica Amministrazione . Non a caso il mondo imprenditoriale continua a lamentare i ritardi della burocrazia che rallentano la crescita economica.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Pescara: imprenditore evade l’Iva e riottiene i beni."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*