Pescara: il progetto per le aree di risulta

viabilita aree risulta pe

Pescara: il progetto per le aree di risulta che cambieranno volto. Un opera da 12 milioni di euro.

Pescara: il progetto per le aree di risulta della stazione ferroviaria. L’Amministrazione comunale ha incaricato una società di Padova,la Sinloc, Sistema iniziative locali, di elaborare uno studio su come ottimizzare gli spazi nell’area strategica della città. Nel dossier consegnato alcuni giorni fa si ipotizza la realizzazione di un parco pubblico , di due parcheggi a silos in superficie, di  negozi, e ristoranti e di  edilizia residenziale. Inoltre due strade limitrofe alla stazione sarebbero interrate: via Bassani e via Pavoni. Il costo complessivo previsto si aggirerebbe sui 12 milioni di euro. Il sindaco Marco Alessandrini annuncia che il 2016 sarà l’anno delle svolta per il capoluogo adriatico. Da anni vengono ipotizzate soluzioni e progettualità importanti su quell’area ma nessuna  è stata fino ad ora portata a compimento. Tutte le ipotesi formulate sono finite nei cassetti. Questa potrebbe essere, secondo alcuni, quella che vedrà la luce.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Pescara: il progetto per le aree di risulta"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*