Pescara: halloween nel mirino dei Nas

Finita la festa di halloween, a Pescara nel mirino dei Nas restano gli oggetti pericolosi commercializzati in diverse rivendite etniche in questa come in altre occasioni.

Dopo le verifiche compiute nei centri cucina che preparano i pasti per le scuole cittadine, i Nas di Pescara hanno effettuato una serie di controlli nei negozi etnici che, in occasione di festività particolari, commercializzano oggetti e giochi vari. Al termine dell’operazione parecchia merce è stata sequestrata e sono state anche elevate sanzioni per circa 10000. I Carabinieri del Nas di Pescara hanno indagato, nei giorni a ridossi di Halloween, su tutto il territorio regionale. L’attività portata a termine rientra nell’ambito dei controlli predisposti dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute. La ricerca ha riguardato in particolare l’individuazione di oggetti potenzialmente pericolosi per i consumatori, soprattutto per i bambini. I sequestri più significativi sono stati fatti a Pescara e a Sulmona; centinaia i prodotti ritenuti non idonei, dalle maschere alle lampade a forma di zucca, dai cerchietti per capelli ad altri accessori fabbricati in Cina e privi delle obbligatorie informazioni in lingua italiana destinate ai consumatori. Gli articoli ritenuti irregolari – valore circa 10mila euro – sono stati sottoposti a sequestro amministrativo, mentre i titolari degli esercizi commerciali, oltre alle sanzioni, sono stati segnalati alla Camera di Commercio per i provvedimenti di competenza.

Sii il primo a commentare su "Pescara: halloween nel mirino dei Nas"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*