Pescara, Giochi del Mediterraneo in spiaggia: M5S intercetta Malagò

A Pescara per i Giochi del Mediterraneo sulla spiaggia il M5S chiede spiegazioni a Malagò, “intercettato” nel corso della seduta solenne

A margine del Consiglio comunale solenne legato alla festività di San Cetteo, la capogruppo M5S a Pescara Enrica Sabatini, insieme a Erika Alessandrini e Massimiliano Di Pillo, ha intercettato il Presidente del CONI Giovanni Malagò, chiedendo trasparenza sul buco di 235 mila euro generato a seguito dei Giochi del Mediterraneo 2015 e pretendendo dal Presidente del CONI chiarezza su ogni voce di spesa del Comitato dei Giochi, ritenute dl M5S ad oggi non chiare, e sulle quali i revisori dei conti del Comune di Pescara si sono espressi molto duramente.

Nell’ultimo assestamento di bilancio sono emerse maggiori spese per 235mila euro sul capitolo relativo ai fondi del Comitato Giochi del Mediterraneo e che, sotto forma di un debito fuori bilancio, “verranno scaricate sulle spalle dei cittadini pescaresi” spiegano i 5 stelle. “A Malagò” continua Enrica Sabatini “ abbiamo chiesto con forza spiegazioni sulla vicenda che aspetta ancora di essere chiarita”.

Il Presidente Malagò, rivelano i pentastellati, ha accettato le richieste del Movimento 5 stelle che si dichiara pronto, inoltre, a presentare anche un esposto alla Corte dei Conti oltre alla già richiesta istituzione di una commissione speciale di inchiesta.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Pescara, Giochi del Mediterraneo in spiaggia: M5S intercetta Malagò"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*