Pescara, fontanelle con acqua non potabile

Ieri sera su altre due fontanelle di Pescara, Aurum e Piazza Grue, sono comparsi cartelli con il simbolo del Comune che segnalavano che l’acqua non è potabile. Il Forum H2O chiede accesso agli atti. Nuova ordinanza sindacale su altre due fontane.

Sui fogli -ha rilevato l’associazione- non vi era altra indicazione e fino alle ore 09:45 sul sito del Comune e su quello dell’ACA non sono comparsi avvisi e, soprattutto, ordinanze.

Questa situazione -spiega il Forum- segue quella del 9 e 10 settembre quando furono chiuse una fontanella alla Pineta dannunziana (per un superamento per Ferro e Manganese; poi il provvedimento è stato esteso anche alle altre fontanelle del parco per presenza di coliformi al pre-contatore) e a Via del Santuario. Per quest’ultima -ricorda l’associazione- non vi sono state mai spiegazioni circa il tipo di criticità riscontrata (nell’ordinanza si parlava genericamente di superamento dei limiti senza dire per quale parametro).

La preoccupazione espressa del forum è legata al fatto che la rete idrica che rifornisce di acqua le fontanelle è la stessa del resto della città. Inoltre le fontanelle sono storicamente utilizzate dalle ASL di tutte le città italiane per svolgere i controlli di rito sulla potabilità. Ipotizzare per tutte queste fontanelle, in posti diversi della città e di diversa epoca di realizzazione (alcune recentemente) e tipologia di uscita dell’acqua, improvvise criticità “collettive” dell’ultimo metro inizia -secondo Forumn H2O- ad essere veramente difficile da credere.

“Aspettiamo” -conclude l’associazione- “un chiarimento da parte della ASL e del Comune, con la pubblicazione sul WEB di tutti i dati, i provvedimenti, i verbali di riunione ecc. Vogliamo spiegazioni dettagliate, visto che queste problematiche sembrano emerse solo recentemente. Soprattutto, vogliamo le analisi ASL su altri punti della città. In ogni caso noi abbiamo chiesto un accesso agli atti alla ASL il 10 settembre e ieri sera ci hanno risposto”.

NUOVA ORDINANZA SINDACALE SU ALTRE DUE FONTANE. L’ASSESSORE DI CARLO AFFERMA: “AL PIU’ PRESTO UN TAVOLO CONGIUNTO CON TUTTI GLI ENTI PREPOSTI PER CAPIRE LA MISURA DEL FENOMENO E I RIMEDI DA ADOTTARE”.

“Solo nel tardo pomeriggio di oggi siamo venuti a conoscenza del fatto che su altre due fontanine si sono rilevati valori non conformi alla potabilità. Si tratta delle fontane del parco Di Cocco e di quella del parco Falcone. Malgrado i dati fossero solo lievemente al di sopra dei parametri, abbiamo subito provveduto a chiudere con una ulteriore ordinanza i due impianti. L’Amministrazione ritiene necessario capire la misura di questo fenomeno e le cause, a tale fine tramite gli uffici convocherò al più presto un tavolo tecnico con tutti gli enti interessati, per valutare la situazione, stabilire una procedura di comunicazione e di intervento più tempestiva e per fissare delle azioni a tutela della salute pubblica. Nell’attesa di avere un quadro chiaro ed esauriente del fenomeno condivideremo con l’ente gestore l’opportunità di intraprendere a titolo precauzionale un provvedimento più esteso”.

 

ACA AL COMUNE: “IL PROBLEMA NON RIGUARDA LE ABITAZIONI” – L’assessore Di Carlo sulla potabilità dell’acqua delle fontanine: “Abbiamo chiesto all’Aca verifiche e mappatura di tutti gli impianti presenti in città”

L’assessore comunale Simona Di Carlo ha emesso in tarda mattinata la seguente nota:

“A fronte delle comunicazioni della Asl circa la non potabilità dell’acqua erogata da altre due fontanine, in Piazza Grue e accanto all’Aurum, l’Amministrazione si è subito mobilitata a tutela della salute pubblica: sono stati messi avvisi sugli impianti interessati, è stata emessa una nuova ordinanza per inibirne l’utilizzo e abbiamo subito chiesto all’Aca, che è l’ente a cui compete il servizio idrico, anche una verifica in tempi brevi della potabilità dell’acqua erogata da tutte le fontanine presenti in città e una mappatura delle stesse, affinché si possa arrivare ad un quadro completo della situazione, per avere anche risposte sulle cause della non potabilità.
Dall’Aca ci arrivano assicurazioni del fatto che il problema non riguarda la rete idrica a servizio delle abitazioni, ma le sole fontanine e da quanto ci viene riferito risiede nello stato dell’ultimo tratto delle tubature su cui l’acqua scorre e ristagna. A tale proposito il Settore Ambiente del Comune, mobilitato sulla situazione da quando sono stati emessi i primi provvedimenti, ha contattato una ditta specializzata per effettuare la manutenzione della parte terminale della rete che già da domani opererà sulle fontane messe in sicurezza, in attesa degli ulteriori riscontri sulla potabilità”.

SCARICA L’ORDINANZA DEL SINDACO

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

3 Commenti su "Pescara, fontanelle con acqua non potabile"

  1. Ma possibile che nessuno mi risponda? Io continuo a stare male,ad avere coliche sia renali sia al colon e tutto tace…in confidenza un operatore sanitario mi ha detto che cresce il numero degli adulti e dei bambini con intolleranze, malattie autoimmuni e tumori…Nessuno si chiede perché?Siamo tutti rassegnati o peggio ancora indifferenti…Che tristezza!!!

  2. Forse sono allarmista,ma nella scuola dove insegno diversi bambini hanno avuto episodi di coliche addominali,addirittura un alunno è stato ricoverato in ospedale e anch’io continuo ad avere gli stessi sintomi da oltre un mese oltre a problemi respiratori,stanchezza e debilitazione fisica avendo una certa età…Non vorrei essere tacciata di procurato allarme,ma dalle analisi effettuate risulta solo un aumento dei globuli bianchi e dal momento che io sono di gruppo sanguigno O,svolgo azione di cartina tornasole ovvero è più facile per me reagire stando male a qualsiasi sostanza nociva al mio organismo.Con la cosiddetta acqua potabile a casa mi preparavo tisane e minestroni ,a scuola prendevo il gingseng dalla macchina distributrice.Ora uso solo la minerale anche per lavarmi i denti.Per la doccia invece non me lo posso permettere,inalo i vapori e continuo ad avere una forte infiammazione in bocca,in gola…

    gola

    • Joanne Hawke | 19/10/2017 di 02:00 | Rispondi

      E così anche i miei amici e le persone che conosco. Quando ero studente avevo 8 in chimica.La mia impressione è che nell’acqua in questione siano presenti sostanze tossiche,nocive anche per inalazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*