Pescara: colpo in macelleria, rubati prosciutti, vino e mannaie

E’ di circa diecimila euro il bottino portato a casa dai ladri che hanno messo a segno il gustoso colpo in una macelleria di via D’Avalos a Pescara: rubati prosciutti, formaggi, vino, salse tartufate e perfino mannaie, coltelli, affettatrice, bilancia, insaccatrice e tritacarne.

Tutto è accaduto intorno alla mezzanotte di ieri, quando i malfattori hanno scardinato la porta del negozio, entrando dentro e prelevando attrezzi del mestiere e alimenti di qualità, per poi darsi alla fuga. L’indomani mattina la scoperta del titolare della macelleria di Luca Soccio.

Probabilmente il vero obiettivo erano i macchinari dell’attività, ma il richiamo di gola, una volta dentro, sarà stato tanto forte da indurre i ladri a concedersi la tentazione di qualche peccato di gola: da gran gourmet, considerando l’entità finale del bottino.

L’allarme è stato dato ai carabinieri al momento dell’apertura, quando è stata fatta la scoperta. La macelleria era sprovvista di allarme: una mancanza alla quale presto il titolare rimedierà, considerato lo spiacevole precedente.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Pescara: colpo in macelleria, rubati prosciutti, vino e mannaie"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*