Pescara: 1 tonnellata di alimenti raccolti con la “spesa sospesa”

spesa-sospesa

Pescara: più di una tonnellata di alimenti è stata raccolta  con la “spesa sospesa”, la colletta alimentare organizzata nel fine settimana appena trascorso dalla Conad di via Milano, in collaborazione con l’emporio della solidarietà della Caritas.

Sono stati precisamente 1100 i kg di prodotti a lunga conservazione (pasta, farina, zucchero, latte, scatolame, omogeneizzati), raccolti grazie alla grande disponibilità della clientela del supermercato, ai quali è si è aggiunto un intero carrello donato dal direttore della Conad, Fabrizio Costantini.

Gli alimenti finiranno sugli scaffali dell’emporio di via Rubicone che assiste circa 200 famiglie disagiate, residenti nella diocesi Pescara-Penne, che attraverso un’apposita card potranno fare la spesa gratuitamente e “pagare” con i punti caricati sulla propria tessera.

“Il bel risultato testimonia la sensibilità di tanti nel condividere il cibo con chi non ne ha”, ha commentato il direttore della Caritas di Pescara-Penne, don Marco Pagniello.

“Anche in questa occasione i nostri clienti, che ringrazio di cuore, hanno compreso lo spirito della spesa sospesa, rispondendo con grande generosità”, ha affermato Fabrizio Costantini, direttore della Conad di via Milano. “Lo scorso anno a Pasqua avevamo raccolto in sei giorni 1200 kg di prodotti, un quantitativo che abbiamo sfiorato quest’anno in soli tre giorni. Sono veramente felice del risultato e della collaborazione con gli instancabili volontari della Caritas, che hanno sensibilizzato con impegno la clientela, presidiando l’ingresso del punto vendita e facendo capire a tanti l’importanza di donare anche una sola confezione di zucchero. L’augurio, ora, è che le famiglie assistite dall’emporio possano trascorrere le festività pasquali in un clima di pace e serenità, ritrovandosi attorno a una tavola imbandita”.

La prima “spesa sospesa” della Conad di via Milano risale a Pasqua di due anni fa.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Pescara: 1 tonnellata di alimenti raccolti con la “spesa sospesa”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*