Ortona, scuole da ripulire? Ci pensano… i genitori

Ad Ortona le scuole elementari e medie trovano i genitori come collaboratori alla manutenzione. Al via il progetto “Tempo per la scuola”

In tempi di mancanza di fondi, meglio sbrigarsela da soli: il Comune di Ortona ha “arruolato” genitori (ovviamente volontari) per la manutenzione dei plessi scolastici dei due istituti comprensivi presenti al centro e nelle frazioni. Con il progetto “Tempo per la scuola” l’amministrazione D’Ottavio, in sinergia con i due DS delle scuole coinvolte Alongi e Gallucci, ha dato vita ad una convenzione che metterà in campo il volontariato dei genitori degli stessi alunni, per piccoli lavori di manutenzione negli interni e negli esterni delle scuole. Viene istituito un vero e proprio “albo dei volontari”, che concorderanno con le scuole i giorni e gli orari di collaborazione (ovviamente coperta da regolare assicurazione), mentre il Comune metterà a disposizione i materiali di consumo, gli utensili e -se necessario- la progettazione degli interventi. Oltre al valore pratico dell’iniziativa, i promotori hanno sottolineato sia quello del legame che si consolida tra le scuole e i genitori, ma anche quello educativo nei confronti degli alunni che saranno indotti a sporcare di meno. Perché a pulire… ci deve pensare papà.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Ortona, scuole da ripulire? Ci pensano… i genitori"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*