Ortona, incrocio pericoloso, parte la petizione

A Ortona l’incrocio pericoloso tra ss.16 e S.Pietro-S.Tommaso continua a mietere incidenti. La comunità Ortona Live fa partire la petizione.

Da domani, sabato 27 febbraio si raccolgono le firme per sostenere una petizione alle autorità competenti, le cui promesse non hanno ancora prodotto risultati. “Da quando abbiamo cominciato ad occuparci della situazione dell’incrocio della SS 16 con la provinciale San Tommaso, il cosiddetto incrocio di san Pietro” -scrivono su Facebook gli animatori della comunità Ortona Live- “abbiamo registrato e documentato (con le foto e i video che abbiamo postato su pagina e gruppo) decine di incidenti come questo, anche con feriti”.

Il problema è stato affrontato, ma non ancora risolto anche in una serie di incontri svoltisi con l’Anas, che hanno “partorito” diverse soluzioni tecniche, clicca qui.

“Adesso” -prosegue Ortona Live- “visto che non abbiamo ottenuto niente, abbiamo deciso di passare all’azione con una raccolta di firme, per sollecitare la costruzione di una rotatoria che riduca al minimo la possibilità di incappare in un malaugurato incidente. La raccolta firme partirà da sabato 27 Febbraio presso il distributore Eni sulla variante della SS 16 nei pressi dell’incrocio dell’ospedale e proseguirà anche domenica mattina sempre nel piazzale del distributore”.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Ortona, incrocio pericoloso, parte la petizione"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*