Ortona, i Ripari di Giobbe verso l’apertura anticipata

Ortona, per i Ripari di Giobbe si profila l’apertura anticipata del cancello che porta alla baia. Il sindaco D’Ottavio: “E’ già tempo di mare”.

Chi ha vissuto la scapigliatura degli anni ’70 se ricorda bene quell’ansa naturale dal mare cristallino, dove piazzare la tenda, sguainare la chitarra e danzare intorno al fuoco, col rischio di essere legittimamente cacciati a calci nel sedere. Poi sono arrivati, più o meno nell’ordine: degrado, camping dopo privatizzazione dell’area ex Fs, spiaggia a pagamento, abusi edilizi, spettro di vista mare con trivelle, super ciclopedonale altrettanto fantasmatica e frana finale a ostruire l’accesso. Tra un’indignazione e l’altra, la baia di Ripari di Giobbe (nome che già esorta alla pazienza) aveva recuperato un po’ di vita dopo il ripristino dell’accesso pedonale che – finalmente gratis! – conduceva al mare. Tutto bello, tutto giusto, a patto che sia estate conclamata, visto che in inverno e persino in primavera inoltrata c’è un bel cancello ad impedire l’accesso al sentiero, peraltro meglio così perché di notte non ci sarebbero le condizioni di sicurezza per percorrerlo. Ora il sindaco di Ortona Vincenzo D’Ottavio ha annunciato di stare lavorando all’apertura del cancello già dal primo maggio, visto che per quel giorno la stagione balneare potrebbe essere già iniziata.  

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Ortona, i Ripari di Giobbe verso l’apertura anticipata"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*