Ora legale: tra sabato e domenica si dorme un’ora in meno

ora-legale

Ora legale: prepariamoci a dormire un’ora in meno perché nella notte tra sabato 26 e domenica 27 marzo tornerà l’ora legale.

Alle due del mattino di domenica le lancette degli orologi dovranno essere spostati un’ora avanti, facendoci perdere un’ora di sonno, ma consentendoci di guadagnare una preziosissima ora di luce con notevoli risparmi energetici. Qualche problema per adattarsi al nuovo orario potrebbe essere dettato dal rapporto sonno-veglia, ma gli esperti rassicurano che durerà solo qualche giorno.

Si tratta di una regola che si sono dati quasi tutti i paesi industrializzati: nell’emisfero boreale il regime di ora legale inizia l’ultima domenica di marzo, mentre nell’emisfero sud (australe) la stessa data ne sancisce il termine. L’unico paese industrializzato che adotta sempre e comunque l’ora solare è il Giappone, mentre la maggior parte dei paesi dell’Africa e dell’Asia risultano disinteressati all’adozione dell’ora legale.

Si tornerà all’ora solare domenica 30 ottobre.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Ora legale: tra sabato e domenica si dorme un’ora in meno"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*