Omicidio Montesilvano: il killer ha un nome

Identificato dagli investigatori il presunto autore dell’omicidio di Montesilvano. Si tratterebbe di un uomo, ora irreperibile, che era stato nel locale con Antonio Bevilacqua.

Ad una svolta le indagini sull’omicidio di Antonio Bevilacqua, il 21enne rom ucciso nella notte tra venerdì e sabato in un pub di Montesilvano da un uomo che lo ha freddato con un colpo di fucile al volto. Tra le ipotesi dei Carabinieri la principale, secondo quanto riferito dall’ANSA, è quella secondo cui killer e vittima avrebbero avuto una lite all’interno del locale. Le indagini si starebbero quindi concentrando sulla persona che ha avuto il diverbio con il 21enne, e che al momento è irreperibile. Oltre all’ascolto dei testimoni – nel pub c’erano una decina di persone – gli investigatori stanno visionando le immagini delle numerose telecamere di sorveglianza, per ricostruire il quadro completo ed individuare il responsabile. Si tratterebbe di un delitto non programmato, di un fatto estemporaneo. Il movente, infatti, sarebbe proprio la lite scoppiata tra i due. Dopo il diverbio – non è chiaro se solo con Bevilacqua o anche con altre persone – il killer sarebbe uscito dal locale, avrebbe preso passamontagna e fucile per poi rientrare nel ristopub ed aprire il fuoco, “con calma e a sangue freddo”, come riferito dai testimoni. Dall’autopsia è emerso che il 21enne è stato raggiunto da un solo colpo al volto, esploso probabilmente con un fucile a proiettili multipli. La salma di Bevilacqua è stata restituita ai familiari e domani, lunedì 18 alle 15, nella chiesa di Sant’Antonio a Montesilvano, verranno celebrati i funerali.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Omicidio Montesilvano: il killer ha un nome"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*