Omicidio Bucco a Pescara, il Pm chiede l’archiviazione

bucco

Senza colpevoli l’omicidio Bucco a Pescara avvenuto tre anni fa. Il PM Gennaro Varone chiede l’archiviazione.

La sorella della vittima Sabrina ha commentato: “Ormai me l’aspettavo, ma non è giusto. È stata una coltellata. Abbiamo diritto a sapere chi ha ucciso mio fratello”.

La richiesta di archiviazione è stata presentata dal Pm Gennaro Varone. Nicola Bucco venne ucciso con tre coltellate nel novembre del 2012 a Pescara. Le indagini della Squadra Mobile si sono indirizzate in più direzioni, vi sono stati anche due indagati, poi risultati estranei all’omicidio. Il caso rischia di finire in archivio senza un colpevole, anche se il reato di omicidio non si prescrive.

“Non ho ancora ricevuto nulla, ma ci riserviamo di valutare gli atti delle indagini e di opporci alla richiesta di archiviazione – ha detto il legale della famiglia Bucco, Alberto Faccini – Occorre dare risposte ai familiari”.

Tutto sul delitto Bucco, clicca qui

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Omicidio Bucco a Pescara, il Pm chiede l’archiviazione"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*