Nas Abruzzo: brutte sorprese nelle uova di Pasqua, chiuse 5 pasticcerie

Controlli dei Nas in Abruzzo sulle pasticcerie per i dolci di Pasqua. Sospese cinque attività, sequestrate 4 tonnellate di dolciumi. Mandorle “riciclate” nei confetti.

Il bilancio complessivo dell’operazione a tutela della sicurezza alimentare a ridosso delle festività pasquali è di 5 attività sospese per gravi carenze igienico sanitarie. Sequestrate 4 tonnellate di alimenti poiché privi di tracciabilità, un operatore denunciato per frode nell’esercizio del commercio. Le sanzioni amministrative comminate complessivamente superano 30.000 euro.
Presso una pasticceria di Pescara, che era in precarie condizioni igienico sanitarie, c’erano dolci tipici esposti per la vendita come “di produzione propria” e “freschi”, mentre in realtà erano stati acquistati, surgelati, da un’importante industria dolciaria.
Sempre a Pescara, in una pasticceria, dolci tipici pasquali sono stati prodotti in ambienti insalubri per la presenza di muffe e infiltrazioni nei soffitti degli ambienti di lavorazione. Stessa situazione in una pasticceria del teramano, i cui ambienti hanno mostrato precarie condizioni igienico sanitarie e strutturali. Per tutte queste le strutture è stata disposta l’immediata sospensione dell’attività da parte delle rispettive ASL.
Inoltre in tre siti di produzione di dolci e uova pasquali, in provincia di Chieti e nel teramano, e presso una pasticceria a L’Aquila c’erano uova, pizze e dolci tipici pasquali, privi di indicazioni obbligatorie in etichetta e, in parte, di documentazione sulla tracciabilità.
Gli accertamenti hanno riguardato anche le confetterie della Val Peligna, dove i carabinieri del NAS hanno sequestrato circa 3000 kg tra confetti e materie prime utilizzate, poiché risultate carenti delle informazioni sulla tracciabilità. Sospesa l’attività di uno degli esercizi ispezionati poiché mantenuto in gravi condizioni igienico-sanitarie e “sorpreso” a produrre confetti riciclando i “resi” che venivano trattati ad alte temperature per sciogliere la parte zuccherina in modo da recuperare la mandorla, per il successivo riutilizzo.

Nas sequestri in numerose pasticcerieQuello che vedete nel video è solo un “assaggio disgustoso” di ciò che i #NAS hanno trovato in alcune pasticcerie di #Pescara, #Teramo, #Chieti e #LAquila I DETTAGLI QUI: http://bit.ly/255H84b

Pubblicato da Rete8 su Giovedì 17 marzo 2016

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Nas Abruzzo: brutte sorprese nelle uova di Pasqua, chiuse 5 pasticcerie"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*