Montesilvano, tavolo tecnico sul Contratto di Fiume

fiume-saline

Tutela e gestione delle risorse idriche, valorizzazione dei territori fluviali, sviluppo: sono gli obiettivi perseguiti dai contratti di fiume, strumenti innovativi di programmazione strategica negoziata. Di questi temi si occuperà oggi, a Montesilvano, il tavolo tecnico sul contratto di fiume “Tavo Fino Saline”.

Poiché i soggetti aderenti al Contratto di Fiume sono chiamati a definire il relativo programma d’azione necessario ad attuarlo, oggi, nella sala consiliare del Comune, si svolge il primo incontro congiunto. Al tavolo tecnico partecipano il sindaco di Montesilvano Francesco Maragno; l’assessore regionale Dino Pepe; il sindaco di Collecorvino, comune capofila del Contratto di Fiume, Antonio Zaffiri e l’assessore Fabio Vaccaro; Massimo Angrilli, docente dell’Università degli Studi d’Annunzio; Patrizio Schiazza, associazione Ambiente e/è Vita” e Giuseppe Pomposo, della ResGea, spin off dell’Ud’A, entrambi della segreteria tecnica del Contratto di Fiume “Tavo Fino Saline”; Mauro Diodato, associazione Nuovo Saline; Sonia Antonacci, Polizia Provinciale di Pescara; Luciano Di Tizio, delegato Abruzzo WWF Italia; Angela Ariano dirigente Arta Abruzzo; Carla Granchelli, direttore del Servizio Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica dell’Ospedale Civile di Pescara. Il tavolo tecnico previsto oggi a Montesilvano ha per tema: “La fase di analisi conoscitiva per la messa a sistema delle conoscenze comuni”.

Nella definizione dei CdF  possono rientrare anche i contratti di lago, di costa, di acque di transizione, di foce e di falda, nel caso in cui gli strumenti sopra descritti vengano utilizzati per categorie idriche diverse dal fiume. I Contratti di Fiume contribuiscono al perseguimento degli obiettivi delle normative in materia ambientale, con particolare riferimento alla direttive comunitarie sulla qualità delle acque, la protezione dell’ambiente e degli ecosistemi acquatici; la mitigazione degli effetti delle inondazioni e della siccità e il coordinamento e la coerenza delle azioni e degli interventi previsti attuarle. La prima della fasi in cui si articolano i CdF, quella che dà l’avvio al Contratto, prevede la condivisione di un documento d’intenti contenente motivazioni, obiettivi generali e metodologia di lavoro condivisa. Seguirà la messa a punto di un’appropriata analisi conoscitiva preliminare integrata sugli aspetti ambientali, sociali ed economici del territorio oggetto del CdF.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Montesilvano, tavolo tecnico sul Contratto di Fiume"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*