Montesilvano: discarica Villa Carmine, Saline interdetto

fiume-saline

Montesilvano: l’acqua del fiume Saline interdetta all’irrigazione, alla pesca e alla balneazione. A stabilirlo un’ordinanza del sindaco Francesco Maragno, dopo il sequestro della discarica di Villa Carmine da parte della guardia costiera.

Il tratto fluviale inquisito è compreso tra l’impianto di smaltimento dei rifiuti e la foce.

Immancabili le polemiche conseguenti. Dalla segreteria del Partito Democratico montesilvanese Romina Di Costanzo attacca il sindaco per la sua inadeguatezza amministrativa e la mancanza di incisività nella gestione di una situazione complessa.

Mario Orsini, consigliere comunale di Montesilvano Protagonista, parla invece di bassa politica da parte di quanti hanno perso le elezioni e scaricano le colpe sull’attuale amministrazione.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Montesilvano: discarica Villa Carmine, Saline interdetto"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*