Legionella: trattamenti alla rete idrica dell’ospedale di Chieti

Il trattamento di disinfezione contro la legionella sarà esteso all’intera rete idrica dell’ospedale Ss. Annunziata di Chieti.

Lo comunica con una nota la Asl di Lanciano Vasto Chieti. L’intervento avrà luogo già da domani, mercoledì 6 luglio, e andrà avanti fino a venerdì 8 luglio, attraverso il procedimento dello shock chimico con perossido di idrogeno e ioni argento nelle ore serali, dalle 20.00 alle 8.00 del giorno seguente, secondo il seguente calendario: mercoledì 6 luglio corpi G, H, I e L; giovedì 7 i livelli da X a XIV dei corpi A, B, C; venerdì 8 dal IX livello a scendere dei corpi A, B, C, D, E, F, O. La scelta di intervenire per blocchi è conseguente alla necessità di non creare disagio all’intero ospedale.

Durante i trattamenti i rubinetti di lavabi, docce e vasche dovranno restare chiusi, mentre sarà possibile utilizzare i water con relativi scarichi. E’ importante, infatti, ai fini del risultato, mantenere costante la concentrazione delle sostanze chimiche negli impianti per un certo numero di ore, pena l’inefficacia del trattamento. Per i pazienti ricoverati sono a disposizione in ciascun reparto sia acqua minerale per uso potabile sia lattine per uso igienico. Una volta terminata l’intera fase dello shock, occorrerà invece tenere aperti i rubinetti a lungo per far defluire l’acqua e favorire il ricambio. Una volta ultimato il trattamento ed esaurita la fase del divieto, sarà possibile utilizzare l’acqua corrente senza alcun timore.

L’intervento complessivo di disinfezione sull’intero ospedale è stato deciso a seguito di diversi campionamenti effettuati sull’intera rete idrica, alcuni dei quali avevano evidenziato la presenza di legionella.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Legionella: trattamenti alla rete idrica dell’ospedale di Chieti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*