L’Aquila: prete ricattato, studente a processo per sms sessuali

laquila-prete-ricattato-studente-a-processo

L’Aquila: prete ricattato, studente a processo per sms sessuali. Il pm aquilano, Simonetta Ciccarelli, ha chiesto infatti il rinvio a giudizio per il 28enne israeliano, studente universitario residente negli alloggi del San Carlo Borromeo, gestiti dalla curia, tra Coppito e Preturo, accusato di aver ricattato un sacerdote, estorcendogli circa 8mila euro per evitare la divulgazione dei messaggi a luci rosse che il prete aveva inviato al giovane.

I fatti risalgono al marzo scorso, ma i ricatti sono iniziati alla fine di giugno del 2014. Lo studente israeliano è stato arrestato in flagrante dagli uomini della squadra mobile, mentre il sacerdote è stato “invitato” dall’arcivescovo Petrocchi a rassegnare le sue dimissioni di parroco da qualunque ufficio ecclesiastico.

L’udienza preliminare è fissata per il mese di novembre.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila: prete ricattato, studente a processo per sms sessuali"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*