L’Aquila, docente universitario a giudizio per stalking

L'Aquila-docente-stalking

L’Aquila, docente universitario a giudizio per stalking. Roberto Giacomelli, 58enne di Roma, ordinario di Reumatologia presso il Dipartimento di Scienze cliniche applicate e Biotecnologie dell’ateneo abruzzese, sarà processato a Roma per condotte persecutorie nei confronti della ex moglie.

Un comportamento “in modo da ingenerare nella donna un grave stato di ansia e di paura costringendola a modificare le proprie abitudini” scrive il Gup del Tribunale di Roma, Vilma Passamonti, dopo avere valutato il materiale probatorio raccolto e le testimonianze.

Secondo l’accusa, Roberto Giacomelli, che è anche membro del CdA dell’Università di L’Aquila, con le sue condotte avrebbe costretto la sua ex moglie a “essere accompagnata a casa da amici e conoscenti, a variare gli orari relative alle sue uscite o a cambiare gli itinerari per evitare di incontrarlo oppure a rimanere in casa temendo i suoi continui appostamenti”. Altre accuse che gli vengono mosse riguardano le chiamate incessanti al telefono, le aggressioni e le minacce verbali.

L'autore

Paolo Castignani
Giornalista professionista dal 1996, ha esordito nel 1982 come cronista sportivo per testate locali e nazionali. Ha all’attivo esperienze in radio, settimanali, agenzie di stampa e uffici stampa. Lavora dal 1988 a Rete8 dove, dal 2004, cura e conduce trasmissioni di medicina.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, docente universitario a giudizio per stalking"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*