Lanciano: dipendente ospedale assenteista

assenteismoUn impiegato statale timbra il cartellino all'uscita del lavoro in una foto di archivio. ANSA/FRANCO SILVI

Lanciano: finisce sotto inchiesta un dipendente dell’ospedale Renzetti, accusato di assenteismo. Ai domiciliari per truffa aggravata e falso.

L’uomo, un 35enne, timbrava il cartellino marcatempo non quando usciva, bensì al rientro, due volte a distanza di pochi minuti, facendo figurare in questo modo la sua presenza sul posto di lavoro anche quando si assentava per questioni personali. Ora è agli arresti domiciliari con le accuse di truffa aggravata e falso.

La misura cautelare è stata emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Lanciano, Massimo Canosa, che ha ravvisato il pericolo di reiterazione del reato. Dalle indagini, portate avanti dagli agenti del commissariato di Lanciano e coordinate dalla procura, è emerso che l’indagato avrebbe agito in questo modo più volte nell’arco di sette mesi.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Lanciano: dipendente ospedale assenteista"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*