La prima scuola a “inquinamento zero” è un po’ aquilana

scuolaTeacher pointing to raised hands in classroom

E’ anche un po’ aquilana la prima scuola italiana a “inquinamento zero”. Inaugurata ieri a Roma, al progetto ha preso parte anche una ditta del capoluogo regionale abruzzese.

Si tratta della società aquilana Felici s.r.l., specializzata nel restauro di pregio e nelle ristrutturazioni, che ha configurato l’installazione dei sistemi APA della prima scuola “smog free” nell’ambito dello sviluppo ecosostenibile dell’edilizia.

Il sistema Apa (Air Pollution Abatement) è una nuova tecnologia in grado di abbattere le polveri sottili e gli altri inquinanti presenti nell’aria ed è stata utilizzata anche nella costruzione della scuola media romana “Giuseppe Bagnera” del municipio XI di Roma.

“Siamo orgogliosi di aver contribuito alla realizzazione della prima scuola smog free in Italia”, ha spiegato in una nota Claudio Felici, amministratore Felici s.r.l.. “La tecnologia presentata, grazie alla proficua collaborazione con la società Istech che l’ha progettata, consente la depurazione dell’aria, in quanto in grado di abbattere, con altissima efficacia, gran parte degli inquinanti nocivi per la salute dell’uomo e per l’ambiente, presenti nell’atmosfera. Una filosofia, quella della sostenibilità ambientale, che da sempre accompagna le scelte operative della nostra azienda. Dotare le scuole di sistemi APA significa garantire la qualità dell’aria che respirano i nostri ragazzi. Una tecnologia che si avvale di diversi campi di applicazione in ambienti chiusi quali uffici, aziende, siti industriali, e all’aperto come pensiline degli autobus e metropolitane”.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "La prima scuola a “inquinamento zero” è un po’ aquilana"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*