Incidente a Collepietro, scagionato il Comune

Sindaco, comandante dei vigili e capo dell’ufficio tecnico assolti dalle accuse per la pericolosità di una strada. Il processo nacque da un incidente a Collepietro in cui morì un giovane nel gennaio 2017.

Nell’incidente perse la vita Willy Patrizi, un giovane automobilista che stava percorrendo Via La Fonte assieme ad una passeggera, che si salvò dallo schianto. In corrispondenza del bivio con la SP 42, in un tratto in forte discesa perse il controllo dell’auto sulla carreggiata ghiacciata, e morì per le ferite riportate uscendo fuori strada. A processo per omicidio colposo sono finiti il sindaco di Collepietro Massimo Tomassetti, la dirigente dell’ufficio tecnico comunale e il comandante dei Vigili Urbani. E’ stata loro contestata la mancanza di un parapetto e di un segnale di pericolo nei pressi della curva. Ma gli imputati sono stati assolti con formula piena, in quanto -tra le altre motivazioni- non vi sono leggi che impongono l’apposizione della segnaletica in circostanze come quelle verificatesi su quella strada.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Incidente a Collepietro, scagionato il Comune"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*