Inchiesta Microcar: arrestato 17enne per minacce a teste

carabinieri111

Un 17enne è stato arrestato dai carabinieri per aver minacciato un giovane che aveva testimoniato contro di lui, nell’inchiesta “Microcar” sullo spaccio di sostanze stupefacenti sopratutto fra minori nell’area vestina.

L’inchiesta era affidata ai carabinieri di Penne, coordinati dal capitano Alessandro Albano. Il 17enne della provincia di Pescara, era stato arrestato lo scorso 15 aprile e sottoposto alla “misura cautelare della permanenza in casa”; questa mattina però è stato nuovamente arrestato e rinchiuso in un centro di accoglienza per minori in provincia di Roma.

L’operazione “Microcar” ha consentito ai carabinieri di smantellare un’organizzazione specializzata nello spaccio di droga tra Pescara, Montesilvano, Città Sant’Angelo e l’area vestina. L’inchiesta era partita da un’altra attività dei carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Pescara, denominata “El Hueco”, in cui erano stati individuati i presunti responsabili del danneggiamento dell’omonimo locale, “El Hueco” di Città Sant’Angelo, preso di mira con l’esplosione di una bottiglia incendiaria il 9 gennaio del 2015.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Inchiesta Microcar: arrestato 17enne per minacce a teste"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*