Incendio a Opi, per aiutare la famiglia sfollata si mobilita tutto il paese

Prosegue la mobilitazione dopo l’incendio a Opi la sera di Natale. Si raccolgono le donazioni per aiutare la famiglia colpita a ricostruire la casa.

L’incendio scoppiato la sera di Natale ha distrutto completamente la casa della famiglia di Giuseppe Tatti. Per fortuna non ci sono state conseguenze per le persone, ora sono ospitate da parenti. Sin dalle prime ore l’intera comunità di Opi si è prodigata per le necessità più urgenti, ma presto serviranno risorse per aiutare la famiglia a rimettere in piedi la casa. Il parroco del paese, Don Angelo, ha aperto nella Chiesa Madre una cassetta per raccogliere le donazioni e anche Don Andrea, il parroco della vicina Pescasseroli, sta raccogliendo dei fondi presso la Chiesa dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo. Anche la comunità di Opi, molto attiva su Facebook in accordo con la famiglia ha lanciato un appello anche a chi sta lontano dal paese di dare il proprio contributo.

Per contatti: [email protected]

 

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Incendio a Opi, per aiutare la famiglia sfollata si mobilita tutto il paese"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*