Imprese: l’Abruzzo perde punti percentuali

L’Abruzzo perde imprese nel triennio 2014-2016 con una decrescita due volte e mezzo superiore a quella nazionale. In crescita solo la provincia di Pescara.

Dal 2014 al 2016 l’Abruzzo ha perso 2.425 imprese, passando dalle 129.488 del 31.12.2013 alle 127.063 del 31.12.2016. Nello stesso periodo, in termini percentuali, l’Abruzzo decresce dell’1,87%, valori pari a due volte e mezzo la decrescita media a livello nazionale (-0,77%). Lo rende noto in un report il ricercatore Aldo Ronci in base ai dati di Movimprese.

A livello provinciale le variazioni sono state molto diverse tra loro: l’unica a segnare un incremento è Pescara (+385), subiscono pesanti flessione Chieti (-1.092) e Teramo (-1.082), registra un decremento più lieve L’Aquila (-636). Le variazioni percentuali rispecchiano i valori assoluti. Pescara (+1,25%) registra un incremento, Teramo (-3,41%) annota un decremento importante, mentre Chieti (-2,66%) e L’Aquila (-2,46%) segnano decrementi più lievi.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Imprese: l’Abruzzo perde punti percentuali"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*