Honeywell Atessa, spiraglio sugli ammortizzatori sociali

Le ultime sul fronte Honeywell Atessa: si continua a trattare sugli incentivi all’esodo. Possibile un prolungamento degli ammortizzatori sociali.

Proseguirà in un incontro già fissato per il prossimo 25 gennaio la complessa trattativa tra la direzione dello stabilimento Honeywell di Atessa e i sindacati sugli incentivi per agevolare la fuoriuscita dei dipendenti dietro riconoscimento economico. In pratica si cerca l’intesa sull’importo che potrà percepire ogni lavoratore che fosse intenzionato a lasciare lo stabilimento prima della data definitiva della chiusura, fissata al prossimo 2 aprile.

Contemporaneamente sul tavolo romano istituito dal ministro Carlo Calenda si starebbe aprendo uno spiraglio per allungare il ricorso agli ammortizzatori sociali degli oltre 400 lavoratori licenziati. L’azienda avrebbe ribadito la disponibilità a predisporre la richiesta di ulteriori garanzie statali per i lavoratori e mancherebbe solo il placet del Governo: potrebbe quindi essere prolungato il periodo di sostegno con gli ammortizzatori sociali, completata la fase dei contratti di solidarietà in vigore fino appunto alla chiusura definitiva dello stabilimento in Valdisangro.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Honeywell Atessa, spiraglio sugli ammortizzatori sociali"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*