Giuseppe Colabrese, la verità dalle telecamere?

Caso Giuseppe Colabrese: proseguono a tutto campo le indagini per omicidio: al vaglio i filmati delle telecamere della stazione di Genova.

Si cerca di ricostruire ogni spostamento del giovane di Sulmona trovato cadavere nel bosco di Romito Magra (La Spezia), alla luce delle nuove indicazioni fornite dall’amico Francesco Del Monaco, il quale inizialmente aveva fornito una data sbagliata. La giornata allo scandaglio degli investigatori liguri è adesso quella del 4 agosto scorso quando i due amici si recarono in stazione: Colabrese era diretto a casa, a Sulmona e Del Monaco lo salutò verso le 19 per andare a prendere a sua volta il traghetto per la Sardegna. E’ quello l’orario attorno al quale le videocamere di sorveglianza avrebbero potuto immortalare Colabrese, che quel treno per l’Abruzzo non ha più preso. Qualcuno potrebbe averlo seguito? Il ragazzo aveva ancora con se una discreta somma di danaro in contanti che dovevano servire per la vacanza interrotta, e soprattutto non aveva apparenti ragioni per tornare da solo a Romito Magra dove invece è stato trovato morto in un dirupo…. L’altro particolare rilevante del mistero, ancora fitto, resta un paio di occhiali da sole non appartenenti a Colabrese trovati a due passi dal suo cadavere.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Giuseppe Colabrese, la verità dalle telecamere?"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*