Gissi: chiude il pantalonificio, in 96 restano a casa

Chiusura definitiva del pantalonificio di Gissi, presente da vent’anni in val Sinello: 96 dipendenti, per lo più donne, restano a casa.

Lo stabilimento del gruppo Canali si trovava da tre anni in regime di contratti di solidarietà. I sindacati avevano tentato di convincere la proprietà a restare, spalmando gli esuberi sugli altri insediamenti in Italia, ma la soluzione sperata non è arrivata.

Si chiude così una delle pagine lavorative abruzzesi che in val Sinello ha fatto storia. Per i dipendenti, molti dei quali non proprio giovani, ora non sarà facile ricominciare.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Gissi: chiude il pantalonificio, in 96 restano a casa"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*