Frane in Abruzzo, 13 milioni per la sicurezza

presidente-D'Alfonso-Teram-Rete8

Frane in Abruzzo. D’Alfonso ha presentato nella sala Consiliare del Comune di Teramo gli interventi che prenderanno il via nel territorio regionale per la messa in sicurezza dei comuni montani dagli smottamenti.

I lavori verranno finanziati anche dal Ministero dell’Ambiente con un contribuito con 3 milioni di euro. Inoltre è stata presentata la lista dei comuni rientranti nello stanziamento, da parte della Giunta regionale, di 10 milioni di euro per la messa in sicurezza degli edifici comunali a carattere strategico. Ma prima dell’incontro con la stampa il Presidente ha tenuto un riunione sull’ Adesione al Piano d’Azione e di Coesione (PAC) 2015, è stato anche fatto il punto sugli interventi nell’ambito del POR FESR 2007-2013. Dunque sono un totale di 13 milioni per l’Abruzzo che verranno  destinati alla messa in sicurezza del territorio regionale.

«Il profilo di cura e di premura sul dissesto diventerà un nostro profilo strutturale, istituzionale. Cioè ogni anno noi ci faremo carico di un consistente capacità di reperimento di risorse». Con queste parole D’Alfonso ha accompagnato l’annuncio degli interventi di riparazione di strade, edifici ed aree in altrettanti comuni abruzzesi e altri 16 per gli adeguamenti antisismici di palazzi pubblici individuati quali sedi di Centri operativo misti e comunali (Com e Coc). D’Alfonso ha anche annunciato il coinvolgimento del capo della struttura tecnica di missione di Palazzo Chigi, Mauro Grassi, che sarà nelle province di Chieti e Teramo, «le più danneggiate sotto il profilo idrogeologico». Gli interventi contro il dissesto riguardano Carpineto della Nora e Serramonacesca in provincia di Pescara, Sante Marie e Pacentro nell’Aquilano, Montorio e Cermignano nel Teramano e quattro comuni del Chietino (Carpineto Sinello, Pizzoferrato, Roccascalegna, Roio del Sangro). Gli importi previsti dal finanziamento ammontano a 10,1 milioni di euro complessivi. Altrettanti vengono impegnati nella ristrutturazione dei municipi di Francavilla, Fontecchio, Cansano, Poggiofiorito, Penna Sant’Andrea, Castel Castagna, Canzano, Civitella Messer Raimondo, Magliano dei Marsi, Sant’Eufemia a Majella, Castellalto, Rapino, Cortino, Bucchianico, Pescasseroli e l’ex mattatoio comunale di Lanciano: vengono finanziati per interventi strutturali e antisismici per edifici che vengono considerati strategici quali sedi del Centri operativi di protezione civile.

Sii il primo a commentare su "Frane in Abruzzo, 13 milioni per la sicurezza"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*