Fondazione Genti d’Abruzzo, si dimettono presidente e vice

Dimissioni di Roberto Marzetti e Vincenzo d’Aquino dal CdA della Fondazione Genti d’Abruzzo: «Un gesto di rispetto verso le istituzioni. Riconsegniamo una Fondazione completamente cambiata, in attivo, nei conti come nelle attività».

Con una lunga e articolata lettera, consegnata lo scorso lunedì 5 agosto direttamente nelle mani del sindaco di Pescara Carlo Masci, Roberto Marzetti e Vincenzo d’Aquino hanno rassegnato le loro dimissioni dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione Genti d’Abruzzo, al cui interno ricoprivano rispettivamente il ruolo di presidente e di vice presidente dal febbraio del 2016.

«Si tratta di un gesto di rispetto verso le istituzioni – spiegano – determinato dalla necessità di consentire alla nuova amministrazione il riordino degli organismi di diretta emanazione del Comune e per far sì che ad avviare la nuova fase prevista dalla recente legge sul terzo settore, dalle modifiche stabilite da una recente sentenza della Cassazione a sezioni riunite e dalla nuova convenzione con la Fondazione, che dovrà essere stipulata entro novembre, sia un organismo (il CdA) nella pienezza dei suoi poteri».

Nella lettera Roberto Marzetti e Vincenzo d’Aquino ricordano il lavoro svolto in questi anni per rimettere ordine nei conti del Museo e rilanciarne l’immagine ed il ruolo di soggetto promotore della cultura all’interno della città. 

«Abbiamo trovato una situazione quasi disperata, con un debito di oltre 480mila euro per contributi ed imposte non versati, tutti antecedenti il 2015, che impedivano qualunque programmazione culturale e perfino il pagamento stesso degli stipendi. Oggi alla città riconsegniamo una Fondazione completamente cambiata. Il bilancio 2018, dopo anni di passività, si è concluso con un attivo di circa 7.000 euro, nonostante la Fondazione abbia dovuto riassorbire le perdite della Srl per 30mila euro, chiusa a giugno 2018, ed i costi della fusione per circa 10mila euro. La situazione al 30 giugno 2019 crea le prospettive per un bilancio quanto meno in pareggio anche per quest’anno».

Il presidente e il vice presidente uscenti evidenziano inoltre quanto fatto sul piano delle attività culturali e sociali. 

«La riapertura del Museo Cascella, con 2.200 visitatori in fila dalla mattina e fino a tarda sera, resterà un momento impresso a lungo nella memoria della nostra città. Ma in questi anni, nonostante le difficoltà economiche, sono state tante altre le iniziative culturali e sociali promosse dalla Fondazione: più di 60 sono state le mostre organizzate, tra le quali spiccano quelle dedicate ad artisti come Mario Giacomelli, Aristide Salvalai, Luciano Ventrone, Maurizio Gabbana e poi “Tessere è Arte”, realizzata con il contributo della Fondazione Tim ed esposta anche a Roma e “Dreamers 1968”, promossa in collaborazione con l’Agenzia Giornalistica Italia (AGI). Oltre 150 tra concerti, spettacoli teatrali, performance e reading sono stati ospitati all’interno delle sale e degli spazi del Museo delle Genti d’Abruzzo, un utile strumento per attrarre nuovi visitatori ed emozionarli, portandoli a vivere un’esperienza più ampia e coinvolgente».

«Il nostro grazie – concludono Roberto Marzetti e Vincenzo d’Aquino – va a tutti i dipendenti della Fondazione, agli altri componenti del CdA, alla precedente amministrazione comunale che ci ha nominato e sostenuto. Oggi la Fondazione ha finalmente la possibilità di essere un punto di riferimento delle politiche culturali della città, il centro di una nuova strategia di gestione e di rilancio dei musei cittadini che va elaborata e realizzata quanto prima».

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Fondazione Genti d’Abruzzo, si dimettono presidente e vice"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*