Folgorato su traliccio a Castelnuovo, chiesto processo per 7

traliccio-

Richiesta di rinvio a giudizio per 7 indagati per omicidio colposo. La Procura di Teramo vuole il processo per la morte dell’operaio di Penne folgorato su un traliccio a Castelnuovo.

La tragedia avvenne nel settembre dello scorso anno su un traliccio Enel a Castelnuovo Vomano. A perdere la vita fu Roberto Damiani, 40 anni, operaio di Penne, folgorato da una scarica letale da 20mila volt. Gli indagati che la procura di Teramo chiede di processare sono cinque dipendenti dell’Enel distribuzione e due della ditta per la quale lavorava la vittima. Per le indagini la morte di Damiani venne causata da tutta una serie di leggerezze e inadempienze, compresa la sospensione della corrente su un diverso traliccio: non quello di Pianura Vomano, dove dovevano essere effettivamente sostituiti i pali. Anche l’operaio deceduto, prima di iniziare il lavoro avrebbe dovuto verificare l’assenza di corrente: operazione che, secondo le indagini, non sarebbe stata eseguita secondo le procedure.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Folgorato su traliccio a Castelnuovo, chiesto processo per 7"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*