E’ morto il leader dei precari di Attiva a Pescara

E’ improvvisamente deceduto a 52 anni, Mario Ferrone, leader della lotta dei precari di Attiva.

Ferrone, padre di tre figli, è morto ieri nell’abitazione di via Rio Sparto dove abitava con la madre. Fu uno dei leader della vertenza degli ex precari di Attiva, quasi tutti poi riassunti in varie tappe, egli compreso. Una protesta che tra il 2015 e il 2016 culminò anche in uno sciopero della fame e la sistemazione di una tenda per mesi di fronte al palazzo del Comune di Pescara. Il caso aveva colpito molto l’opinione pubblica, che si era prodigata in donazioni e gesti di solidarietà verso i lavoratori e le loro famiglie. Da circa un mese Mario Ferrone era in malattia; i suoi conoscenti riferiscono di un mal di schiena che gli impediva di lavorare. I funerali si terranno domani alle 10.30 nella chiesa di San Gabriele a Pescara.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "E’ morto il leader dei precari di Attiva a Pescara"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*