Dilaga la truffa delle false case vacanza a Vasto e San Salvo

Cinque casi in tutto venuti alla luce in questi giorni. Attenzione al raggiro online delle false case vacanza a Vasto e San Salvo

Vacanze “indimenticabili” per cinque gruppi di turisti provenienti dalle Marche, dalle Puglie e dalla Campania, che, dopo aver versato la caparra, erano giunti sulla costa sud abruzzese per prendere possesso delle agognate case vacanza “bloccate” online, Al loro arrivo le case non c’erano, ne’ tantomeno gli impostori che gliele avevano affittate. E così non è rimasto altro che denunciare l’ennesima truffa alle forze dell’ordine. Già altri casi erano stati segnalati lo scorso inverno a Vasto e San Salvo, tutti con lo stesso meccanismo: nell’annuncio viene riportato un numero di cellulare, chiamando il quale viene spedito un regolare contratto di locazione. La caparra viene pagata con una ricarica Postepay (e questo dovrebbe fare un po’ insospettire…). Tutto fittizio. Tutto scompare dopo il versamento. Soprattutto, a scomparire è la… caparra.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Dilaga la truffa delle false case vacanza a Vasto e San Salvo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*