Delitto Giuseppe Colabrese: spunta la droga

Indagato per spaccio Francesco del Monaco, l’amico di Giuseppe Colabrese. E’ stato l’ultimo a vederlo prima della scomparsa e del delitto in Liguria.

Francesco Del Monaco, 24 anni, anch’egli originario di Sulmona come la vittima, ha rilasciato una lunga deposizione nel comando provinciale dei Carabinieri di La Spezia ed avrebbe riferito di un presunto traffico di droga tra l’Abruzzo e la Liguria, tanto da indurre gli inquirenti ad aprire un parallelo filone di indagine sullo spaccio, assieme a quello principale contro ignoti per omicidio volontario e occultamento di cadavere.
Su questo più importante fronte, Del Monaco si è poi appreso che avrebbe modificato la versione su quanto inizialmente dichiarato, di aver lasciato Colabrese il 4 agosto alla Stazione di Genova. Nel frattempo si susseguono sopralluoghi e perquisizioni: i Carabinieri sono tornati nel bosco di Canarbino dove quasi certamente il corpo è stato solo trasportato dopo l’omicidio la cui arma è un pesante sasso. Ispezione che ha visto la partecipazione anche dell’entomologa incaricata dal PM per una perizia sui luoghi. Passata al setaccio anche una abitazione a qualche centinaio di metri, di proprietà di alcuni familiari di Del Monaco, e nel quale alcune volte i due studenti abruzzesi avevano soggiornato durante i mesi dell’università.

Tutto sul caso Colabrese, clicca qui

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Delitto Giuseppe Colabrese: spunta la droga"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*