Contraffazione: a Pescara la Gdf sequestra 663mila prodotti

Sotto le festività intensificate le attività anti contraffazione a Pescara. Blitz della Guardia di Finanza in un nego zio di cinesi fa scattare operazione a vasto raggio: sequestrati migliaia di prodotti.

I militari in questi giorni hanno sequestrato ben 663.000 prodotti contraffatti o privi dei requisiti di sicurezza. Le prime migliaia di prodotti (giocattoli ed articoli da regalo) contraffatti e non sicuri erano in un negozio di Pescara, gestito da cittadini cinesi. Ma le indagini sono riuscite a ricostruire l’intera filiera distributiva dei prodotti illegali, commercializzati su tutto il territorio nazionale. In tutto sono stati sei gli interventi presso fornitori e importatori della merce, che operavano nell’hinterland napoletano e romano. I finanzieri hanno sequestrato grandi quantità di merce con segni distintivi contraffatti di famosi marchi internazionali, e prodotti senza i requisiti di legge sulla sicurezza e di tutela della salute, pronti per essere venduti al dettaglio e a finire anche ai bambini. Denunciati i commercianti all’ingrosso e gli importatori, in tutto 6: un italiano e cinque cinesi.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Contraffazione: a Pescara la Gdf sequestra 663mila prodotti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*