Città Sant’Angelo, Leu apre la crisi al Comune

Crisi amministrativa a Città Sant’Angelo. Nella seduta di consiglio straordinario di ieri Liberi e Uguali ha comunicato l’uscita dalla maggioranza dei suoi 3 rappresentanti.

Sono passati all’opposizione il Vice Sindaco Alice Fabbiani, Il consigliere Mirco Collevecchio (assessore all’urbanistica) e il consigliere Pierpaolo Di Brigida. Al centro dello scontro interno alla maggioranza le questioni della Linda Spa, società partecipata che vede lo stato di agitazione dei lavoratori e le dimissioni dell’amministratore unico.

Domani sera, per valutare la situazione, e’ stata convocata una riunione del PD, forza di riferimento della maggioranza del sindaco Gabriele Florindi, il quale prende atto degli eventi ì e se ne assume tutta la responsabilità.

“Se dovesse fallire, dopo 50 anni, l’esperienza del centro Sinistra a Città Sant’Angelo, la colpa è solo mia, che ho scelto le donne e gli uomini che hanno composto la mia lista e il mio esecutivo. Adesso ci sarà il bilancio da approvare, atto dovuto di responsabilità alla cittadinanza. Se avrò ancora una maggioranza, lo si vedrà nella seduta consigliare di approvazione dello strumento cardine dell’amministrazione, in caso contrario ,torneremo tutti a casa e ognuno se ne assumerà la responsabilità” . Prosegue il Sindaco: “sono a posto con la mia coscienza per come ho amministrato la mia comunità con massima dedizione, abnegazione, trasparenza e soprattutto onestà. Resto a disposizione per qualsiasi soluzione che vada solo ed esclusivamente a beneficio della mia comunità”.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Città Sant’Angelo, Leu apre la crisi al Comune"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*