Città Sant’Angelo: investe e uccide 18enne, patteggia

omicidio-stradale

Città Sant’Angelo: un anno e 8 mesi è la pena, sospesa, patteggiata dal 20enne che lo scorso 12 agosto ha investito e ucciso con la sua auto il 18enne Gabriel Di Giorgio.

La sera di quel fatidico giorno d’estate, il ragazzo stava attraversando viale Petruzzi sulle strisce pedonali, portandosi dietro il suo monopattino in mano, quando l’auto del 20enne, ubriaco, l’ha falciato. Gabriel è morto due giorni dopo.

Era un ragazzo educato, studiava all’alberghiero e suonava il pianoforte: lo ricordano così i parenti e gli amici. All’indomani della sentenza che ha condannato a un anno, otto mesi e venti giorni di reclusione – pena sospesa – per omicidio colposo e guida in stato di ebbrezza il 20enne angolano responsabile dell’incidente mortale, i genitori di Gabriel, sconvolti dal dolore, hanno dichiarato che questa sentenza ha ucciso Gabriel per la seconda volta.

Il patteggiamento è stato accolto dal giudice proprio mentre in Parlamento si discuteva della legge sull’omicidio stradale che proprio ieri in Senato ha avuto l’ultimo via libera e che prevede pene più severe per chi provoca incidente stradali mortali.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Città Sant’Angelo: investe e uccide 18enne, patteggia"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*