Chieti:spaccio abusivo di carni e chiusura frantoio

nas carabinieri

Chieti: spaccio abusivo di carni e chiusura frantoio. Operazione dei carabinieri e della guardia costiera.

Spaccio abusivo di carni e chiusura frantoio: è quanto scoperto  dopo un sopralluogo nell’interland del chietino effettuato dai carabinieri del nucleo anti sofisticazioni dei carabinieri  di Pescara e degli uomini della Guardia che stanno eseguendo ispezioni nel periodo delle festivita’ natalizie per garantire la sicurezza a tavola degli abruzzesi L’attivita’ di spaccio di carni e’ risultata priva delle registrazioni alla Asl, mentre nel frantoio, i militari dell’Arma hanno riscontrato nei locali pessime condizioni igienico sanitarie e nei macchinari utilizzati. Pertanto il Servizio igiene degli alimenti e della nutrizione (Sian) e il Servizio veterinario della Asl hanno disposto la sospensione dell’attivita’ dello spaccio e la chiusura del frantoio fino al ripristino delle condizioni idonee. Relativamente all’eventuale presenza di scarichi non a norma, gli uomini della Guardia Costiera hanno effettuato dei campionamenti e delle analisi di cui si attendono i risultati.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Chieti:spaccio abusivo di carni e chiusura frantoio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*