Chieti: “L’Abbruzze sòne, cante e abbàlle” per San Giustino

A Chieti “L’Abbruzze sòne, cante e abbàlle” con il coro folkloristico teatino per festeggiare San Giustino, patrono del capoluogo teatino. Domani in largo Gian Battista Vico alle 20,30 protagonisti i canti popolari.

A dirigere il coro sarà il maestro Vincenzo Pasta. L’evento è patrocinato dal Comune di Chieti con l’assessorato alla cultura e alle manifestazioni per i festeggiamenti in onore del patrono di Chieti San Giustino. Il concerto sarà a ingresso libero, con momenti musicali dedicati al grande musicista ortonese Francesco Paolo Tosti (Ortona 1846 – Roma 1916), di cui quest’anno ricorrono i 170 anni della nascita e il primo centenario della morte.

Costituitosi quattro anni fa presso il circolo ACLI 200 “Padre Ugolino Frasca”, il coro folkloristico teatino è composto da voci maschili e femminili dirette dal maestro Vincenzo Pasta.

Alle 20,30 di domani la serata sarà aperta dal corteo del coro che, partendo dal teatro Marrucino, raggiungerà la piazza antistante la camera di commercio, dove si esibirà in concerto dalle 21 alle 22,30. Presenterà la serata Tina D’Alessio; i balli popolari (la quadriglia, il laccio d’amore) saranno curati dal coreografo Natale Di Crescenzo, collaboratore del gruppo folkloristico teatino presieduto da Mario D’Alessandro.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Chieti: “L’Abbruzze sòne, cante e abbàlle” per San Giustino"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*