Chieti, estorsione: volontario Caritas in manette

carabinieri-arresto2

Arrestato a Chieti per estorsione un volontario Caritas. Aveva ottenuto la fiducia di marito e moglie mirando alle loro pensioni.

L’arresto è avvenuto ieri proprio davanti alla Casa Famiglia di via De Lollis dove l’uomo, Domenico Di Nicola 40enne originario de L’Aquila, era attivo come volontario della Caritas. Di Nicola, detto “Mimmo” è un pregiudicato che stava scontando una pena detentiva a Chieti, ma svolgeva l’attività sociale nell’ambito di un progetto di reinserimento.

La volontà espressa di cambiare vita deve aver fatto breccia nella sensibilità di una coppia di coniugi di Chieti (di 50 e 40 anni) che gli si sono col tempo affezionati, tanto da accordargli fiducia anche per le incombenze quotidiane. Una confidenza presto scantonata nella soggezione alle minacce: l’uomo si era fatto consegnare il bancomat della coppia, ed era autore di continue vessazione per ottenere i soldi delle pensioni dei due (lui per invalidità, lei sociale). Una prima denuncia era stata ritirata dalla coppia per le minacce subìte. Una seconda è stata corredata da un successivo appostamento dei carabinieri che hanno sorpreso Di Nicola a riscuotere il denaro estorto. Per lui è stato immediato il ritorno a Madonna Del Freddo. Per marito e moglie, la fine dell’incubo.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Chieti, estorsione: volontario Caritas in manette"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*