Centrale Altino, 60 comuni chiedono 4 milioni a Acea

Sul piede di guerra nel chietino 60 comuni: chiedono a Acea un maxirimborso per la centrale di Altino. Il credito ammonta a quasi 4 milioni.

La Spa multiutilites romana non ha infatti mai versato circa 4 milioni complessivi di sovra-canone al bacino imbrifero, ed ora i comuni hanno dissotterato l’ascia di guerra in una assemblea a Villa Santa Maria. Sembra che l’Acea non abbia proprio intenzione di pagare ai 60 comuni i crediti accumulati negli anni, relativi al ristoro per la centrale di Altino, legata alla diga del Lago Sant’Angelo (comunemente noto come Lago di Casoli). Di qui l’iniziativa legale che stanno per avviare praticamente tutti i comuni del bacino, compresi anche alcuni molisani, che hanno delegato l’amministrazione comunale di Fallo come loro rappresentante. Hanno chiesto un incontro alla Regione chiedendole una mediazione con Acea. Altrimenti per l’esecuzione del credito si rivolgeranno agli avvocati.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Centrale Altino, 60 comuni chiedono 4 milioni a Acea"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*