Centenario tostiano a Ortona, si parte (per ora) senza soldi

francesco-paolo-tosti

Prenderanno il via senza certezze di copertura finanziaria le manifestazioni per il Centenario tostiano a Ortona. “Per ora solo promesse: ci si assuma la responsabilità”

La tentazione di annullare il centenario c’è stata, e potrà esserci ancora fino all’ultimo momento. Per ora l’Istituto Nazionale Tostiano di Ortona si attiene alle promesse “sulla carta” per finanziare un prestigioso cartellone di eventi in grado di attrarre in città l’attenzione mondiale della musicologia attorno alla figura di Francesco Paolo Tosti, riscoperta negli ultimi decenni in tutto il mondo grazie all’attività dell’Istituto fondato dal compianto Francesco Sanvitale. Ad Ortona sono arrivati negli anni, e torneranno in occasione del centenario della morte del compositore, musicisti ed esperti da tutto il mondo, dal Giappone agli Stati Uniti, ed i cantanti finalisti del concorso internazionale sulle romanze tostiane. L’attualità internazionale di Tosti è attestata anche dalla recente monumentale opera di pubblicazione discografica della opera omnia. L’Istituto Nazionale Tostiano, con la sua biblioteca frequentata da musicologi delle università e dei conservatori di tutto il mondo, possiede un capitale stimato nell’ordine di 2 milioni e 600mila euro di materiale, ed è un patrimonio del Comune di Ortona, di cui l’Ente rappresenta una emanazione. L’INT è stato riconosciuto dal 2009 “Ente di rilevanza nazionale”.

Ma nemmeno a cent’anni dalla sua morte, la star internazionale Francesco Paolo Tosti riesce ad essere “profeta in patria” nella sua città: per ora a finanziare il centenario sono intervenuti soltanto il Comune e il Ministero. I soli 15mila euro stanziati dalla Regione sono attesi ormai da dicembre scorso, mentre lo sponsor privato Walter Tosto ha promesso di sottoscrivere una convenzione varata appena nei giorni scorsi dalla Giunta Comunale, ed i 50mila euro per salvare la città da una figuraccia mondiale non sono ancora sul conto corrente dell’Istituto. Il cui presidente Marco Ciccone stringe i denti, conferma il programma e confessa: “Noi faremo di tutto per onorare Tosti. Se i soldi non dovessero arrivare, i responsabili delle promesse, del resto, sono noti”.

Il programma del centenario è sul sito dell’Istituto recentemente rinnovato (clicca qui)

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Centenario tostiano a Ortona, si parte (per ora) senza soldi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*