Cavalli senza chip, blitz dei Nas nell’aquilano

Operazione in un allevamento dell’aquilano. I Nas dei Carabinieri scoprono cavalli senza chip. Erano destinati alla macellazione. E’ scattato il vincolo sanitario.

Il blitz rientra nell’ambito dei controlli in atto sugli allevamenti abruzzesi, finalizzati a verificare le corrette condizioni igieniche di tenuta di stalla e di benessere animale. Ad affiancare il Carabinieri anche i veterinari della Asl, melle operazioni di verifica della microchippatura degli equini.
Alcuni capi sono risultati totalmente sprovvisti di dispositivi identificativi, mentre una quarantina di cavalli non erano identificati correttamente. E’ scattato immediatamente il vincolo sanitario di tutti i capi non identificabili, per i quali sono stati avviati ulteriori accertamenti.

Nel complesso quest’estate i NAS di Pescara hanno effettuato sequestri e disposto vincoli sanitari in altri cinque allevamenti: in una porcilaia del Pescarese, dove circa 500 suini vivevano in condizioni igieniche precarie; in una porcilaia nel Vastese e due allevamenti di bovini, nell’Aquilano e nel Teramano.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Cavalli senza chip, blitz dei Nas nell’aquilano"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*