Castrogno Teramo: squadra di Rugby di detenuti

castrogno-condannata-dottoressa-per-finto-certificato

Si chiama “Papillon”, la squadra di rugby dei detenuti del carcere di Castrogno di Teramo, che nasce nell’ambito di un protocollo d’intesa con il Centro Sportivo Italiano.

L’obiettivo è quello di “educare e rieducare attraverso lo sport”. Stefano Liberatore, direttore della casa circondariale ha rimarcato l’importanza della pratica sportiva positiva all’interno delle strutture carcerarie:

“Il sistema penitenziario – ha evidenziato – non deve essere concepito solo ed esclusivamente sotto l’aspetto della sicurezza, oggi il carcere va verso un’altra tendenza che e’ quella della risocializzazione e rieducazione. Il carcere e’ un luogo di formazione sociale quindi sono ben accette le attivita’ sportive concepite come strumento di aggregazione e socializzazione”.

“Questo progetto prende il via nell’Anno Straordinario della Misericordia indetto da Papa Francesco – sottolinea il presidente provinciale del Csi, Angelo De Marcellis – il quale ci invita ad essere attenti alle problematiche degli ultimi e noi come Centro sportivo italiano siamo contenti di rivolgere una particolare attenzione verso chi, spesso, non e’ al centro dei pensieri della collettività”

Il servizio del Tg8:

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Castrogno Teramo: squadra di Rugby di detenuti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*