Castel di Sangro: truffa alla barista, denunciati due pugliesi

sisal-ricevitoria

Castel di Sangro: si finsero funzionari Sisal e truffarono una barista. Carabinieri denunciano due pugliesi per truffa.

Tutto accadde nel maggio scorso, quando un 31enne, fingendosi funzionario della Sisal, società che gestisce le scommesse on line, aveva telefonato ad un bar ricevitoria di Castel di Sangro, convincendo la barista ad effettuare tre bonifici su altrettante carte bancomat prepagate, per verificare il corretto funzionamento del terminale Sisal che, secondo i truffatori, avrebbe avuto problemi di connessione alla rete.

La barista truffata aveva pertanto effettuato i bonifici richiesti per un valore complessivo di 2.447 euro, con la rassicurazione che alla fine le sarebbero stati stornati. La malcapitata, convinta dai modi professionali dell’uomo, aveva seguito le sue istruzioni ed effettuato le operazioni richieste, ma una volta perfezionato l’accredito, il truffatore aveva chiuso la conversazione senza altre spiegazioni.

Insospettita dall’accaduto, la barista aveva chiamato la Sisal, raccontando tutto e scoprendo di essere stata vittima di una truffa. La donna si era quindi rivolta ai carabinieri di Castel di Sangro che, al termine delle indagini, hanno denunciato un 31enne e una 21enne pugliesi.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Castel di Sangro: truffa alla barista, denunciati due pugliesi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*