Cantonieri assenteisti Chieti: tre rinvii a giudizio

Cantonieri assenteisti Chieti: tre rinvii a giudizio. Il gup di Lanciano Andrea Belli ha disposto il rinvio a giudizio per i tre cantonieri, che prestavano servizio  presso la Provincia di Chieti.

Michele Caniglia, 52 anni di Atessa, era stato arrestato il 26 settembre 2014 mentre i suoi sottoposti furono solo denunciati. Si tratta di  Biagio Di Biagio , 49anni, di Casalbordino e Benigno Travagliani, 61 anni, di Casoli , accusati di truffa aggravata continuata, peculato e falsità ideologica.  Il processo è stato fissato al 2 marzo 2016. Contro Caniglia, principale imputato e capo cantoniere del distretto di Atessa, la procura di Lanciano imputa la circostanza di aver svolto altre mansioni personali e di aver aiutato la moglie nella gestione del negozio atessano di fitofarmaci e concimi agrobiologici. L’inchiesta era partita all’ inizio del 2014. Coimputati in concorso di reato gli altri due cantonieri coinvolti per un numero più esiguo di episodi di assenteismo rispetto al loro capo squadra.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Cantonieri assenteisti Chieti: tre rinvii a giudizio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*